Giovane Holden - Salinger Scrittore

Ultime sul Salingeriano Giovane Holden.

Premessa – Alla ricerca del metodo

Paucis natus est qui populum aetatis suae cogitat (Seneca Lettere a Lucilio – Chi si dà pensiero degli uomini del suo tempo, è nato per pochi).

Concludiamo il nostro Giovane Holden citando Seneca con la sua stoica volontà di ricercare quella buona fama presso i posteri. Ben consapevole dei futuri millenni di intercettazioni circa le sue lettere a Lucilio. La fama non sta solo nella complicità con i lettori contemporanei. Ma anche in quelli futuri, che forse non capiranno tutti i dettagli e le vicende riportate. Infatti il testo, con il passare degli anni, si opacizza e va interpretato sulla base delle informazioni storiche e sociali dell’epoca in cui l’autore visse. Verranno apposte le note, le diverse interpretazioni, i riferimenti storici. Perché i lettori del domani possano cogliere a pieno il senso del testo.

C’è solo un reale puro, al dunque, che può estrarsi dal discorso che è la realtà di un testo: è la consegna […] Un testo, proprio perché congegnato in un mezzo, viaggia piuttosto contro il tempo […] (G.Frasca, Il Rovescio d’autore, 2016, pag. 61)

[…]C’è almeno un punto, possiamo esserne certi, in ogni testo […] in cui […] l’autore si riflette d’un tratto nello sguardo attento del suo esecutore […] (G.Frasca, Il Rovescio d’autore, 2016, pag. 62)

Quando il medium si fa permeabile

Lo “sguardo dal testo” è quella parte di un medium i cui confini si fanno permeabili e sottili. In cui l’autore di un testo si ferma per portare il lettore nel retroscena e spiegare che cosa sta accadendo. Se potessimo fare un esempio, citeremmo Oliver Hardy, quando nei momenti di difficoltà guarda dritto nella telecamera. Quasi a cercare la complicità di un pubblico che sta dietro allo schermo.

Ecco, in questi momenti il testo si fa sottile. Una sorta di resis, quella parte della tragedia greca in cui il coro spiega al pubblico lo stato d’animo dei personaggi. Una specie di riassunto, una ricapitolazione.

Giovane Holden – Un ultimo sguardo

Il capitolo 25 di The Catcher in the Rye è sicuramente il luogo in cui JD Salinger si è impossessato del nostro giovane Holden. In questo capitolo il giovane Holden è appena scappato dall’appartamento del professore Antolini che, nonostante l’ultimo ambiguo evento narrato, rimane un personaggio molto positivo. Fu il professore Antolini a coprire con la propria giacca James Castel, il ragazzo suicida che si era spappolato a terra in uno spargimento di denti.

Nel capitolo 24 il nostro giovane Holden aveva detto al professor Antolini che il suo problema con l’inglese non era la composizione. Il suo problema era l’esposizione orale.

Per un corso in cui bisogna alzarsi in classe e fare un discorsetto. Sa come. Spontaneo e via dicendo. E se ci si mette a divagare, gli altri devono gridar piú in fretta che possono “Fuori tema!”. Roba che mi faceva diventare matto. Ho preso tre. (Traduzione di Adriana Motti)

Una narrazione, secondo il luogo comune deve essere semplice, senza ripetizioni né digressioni. Ma al nostro giovane Holden piace di più quando si salta da un argomento all’altro, parlando di uncle per digression.

Franny è una giovane Glass che, in questo racconto, ha una conversazione con un fidanzato davvero phony. In precedenza la ragazza aveva trovato nella stanza del fratello Seymour un libro – The Way of a Pilgrim – in cui si insegna la preghiera permanente. Una sorta di mantra che si ripete a loop nella mente e che alla fine del racconto porta Franny allo svenimento. Mentre le sue labbra involontariamente continuano a ripetere la preghiera permanente.

Alzate l’architrave, carpentieri (1963) – J D Salinger

In questo racconto l’alter ego di JD Salinger, Buddy Glass, si appresta ad andare al matrimonio del fratello Seymour con quella Muriel che abbiamo in contrato in A Perfect Day. Siamo nel 1944, Franny e Zooey, gli ultimi della famiglia Glass, sono con i genitori. I gemelli Walt e Waker stanno per partire per la guerra. Waker è un gesuita o un domenicano a seconda di quale racconto si tratti. La sorella Boo Boo parte volontaria per la marina.

Seymour non si presenterà mai al matrimonio mentre tutti sono in attesa.

Zooey (1957) – JD Salinger

Tornata a casa Franny continua a ripetere il suo mantra, mentre il fratello Zooey cerca di parlarle. Ma la sorella è ormai un caso clinico.

Seymour. Introduzione (1959) – J D Salinger 

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

Per qualsiasi dubbio non esitare a scrivermi su Facebook oppure commenta nell’apposito spazio sottostante.

Se The Catcher in the Rye #3 ti è piaciuto lasciami un feedback positivo 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *